La pubblicità su Facebook funziona?

Per numeri di utenti e diffusione è certamente il primo dei social network. Parliamo naturalmente di Facebook. E non c’è dubbio che si tratti ormai di un ottimo alleato nella strategia di digital marketing anche per le aziende di piccole le dimensioni.

Facebook permette di entrare in contatto con parte del proprio pubblico abituale, e intercettare nuovi potenziali clienti.

Le possibilità offerte dalla piattaforma in ambito pubblicitario si suddividono sostanzialmente in tre macrocategorie:

  • promozione della pagina, per aumentare l’audience della pagina;
  • promozione dei contenuti, per aumentare la visibilità dei singoli post;
  • promozione di risorse esterne alla piattaforma, per portare traffico “fuori” da Facebook o di form per generare nuovi contatti.

L’algoritmo di Facebook rappresenta un ostacolo spesso difficile da superare per la nostra pagina. Raccontare la propria azienda e i propri prodotti su Facebook non è facile. Essenzialmente – per non farla molto lunga – solo una piccola percentuale dei nostri fan (intorno al 10-20%) veda comparire i contenuti di una pagina nel proprio news feed.
Si capisce subito che fatica occorra fare per far visualizzare i nostri contenuti a un numero discreto di fan. Accumulare una fanbase sufficientemente numerosa è quindi uno dei primi obiettivi alla base della nostra strategia.
Usando le Storie Sponsorizzate – che non sono altro che inserzioni create con lo scopo di far crescere la fanbase di una pagina – riusciremo a incentivare il Like (e non solo) mediante una leva “sociale”: mostrano infatti ad un utente che un proprio amico è già fan di un determinato brand, invitando a fare lo stesso.

Facebook non è una piattaforma di  e-commerce. Gli utenti – nonostante tutto quello che vi è stato detto da commerciali e web agency – non vanno su Facebook per acquistare prodotti. L’obiettivo primario degli utenti su Facebook è conversare.  La conseguenza di questo fatto è che su Facebook è necessario un approccio informale.

Post Sponsorizzati

L’aspetto più importante di ogni buona fan page, i nostri contenuti avranno il compito di raccontare il prodotto/servizio che vogliamo promuovere.
Utilizzeremo i Promoted Post: una volta raggiunti i 400 fan (ma a volta anche meno), vedremo comparire l’opzione “Promuovi” sotto ad ogni aggiornamento pubblicato e non più vecchio di 3 giorni. Attivando la funzionalità, potremo decidere quante visualizzazioni “comprare” per il nostro post, e pagare di conseguenza (circa 4€ ogni 2mila fan – e amici dei fan – raggiunti). In questo modo forzeremo l’algoritmo di Facebook permettendo al nostro aggiornamento di essere visualizzato da una percentuale significativamente maggiore di fan rispetto al normale.
Ovviamente, vi consigliamo di evitare in assoluto il Fai da te. Per sfruttare al meglio questa opportunità, bisognerà scegliere con accuratezza il contenuto da promuovere: un’immagine incisiva, con una buona frase (uno sconto, un invito ad approfondire, una call to action), e una ottima parte testuale lunga anche solo un paio di righe. E’ possibile naturalmente inserire un link a una pagina fuori da Facebook dedicata al prodotto/servizio in questione.

Quali KPI usare per Facebook?

Il sentiment senz’altro (numero di citazioni positive sul totale delle citazioni), la resolution rate (risoluzione di problematiche / domande fatte sul sociale anziché per altro canale) e la Share of Voice (menzioni brand/menzioni totali).

Più segmentate, più ottenete: Facebook è più performante e a basso costo – rispetto a Google Adwords (in alcuni settori) – perché avete la possibilità di segmentare le campagne pubblicitarie. Più i vostri utenti sono profilati, più il vostro budget sarà ben speso.

Il B2B. La possibilità di targetizzare per “attività” o per “Utenti che lavorano in una specifica azienda” ha dato la possibilità di pianificare campagne specifiche indirizzate ad un pubblico business.

Quindi la pubblicità su Facebook funziona?

Naturalmente la risposta può essere una sola: dipende. Obiettivi, risorse, timing e target del vostro progetto sono variabili fondamentali per la buona riuscita o meno di una campagna su Facebook. Così come l’execution. L’improvvisazione, la scarsa profilazione ed il timing errato possono trasformare Facebook in un enorme buco nero dove vedrete cadere un’ingente quantità di denaro. Perso per sempre.