A cosa serve un blog aziendale

Dare un volto all’azienda

Avete mai pensato di fare della vostra azienda un blogger? Solo in Italia sono in rete più di tre milioni di blog, e il 60% di chi naviga ne ha visitato uno almeno una volta. In ogni caso circa 10 milioni di persone sono utenti abituali di un blog, e di questi almeno la metà interagisce con domande e altre interazioni tramite i loro post. Così come accade per qualsiasi altro blogger, un’azienda ha la possibilità di raccontarsi e di interagire con gli utenti attraverso il proprio blog.

Chi è quell’azienda? Cosa c’è dietro quel logo? Sono domande molto importanti che tutti i consumatori si pongono, cercando poi le risposte sul web. Un blog può fornire queste risposte, e molto altro. Infatti attraverso i contenuti scritti e multimediali l’azienda può trasmettere al pubblico come viene realizzato il suo prodotto, chi è che lo realizza, secondo quale policy e come viene trattato il cliente. I contenuti multimediali hanno poi il vantaggio di poter essere condivisi sui social media, e se sono ben riusciti possono persino diventare virali, contribuendo consistentemente alla buona popolarità del brand.

Quali aziende devono aprire un blog?

Se fino ad oggi avete pensato che alle piccole e medie imprese non convenga dedicare molte risorse al web, oppure al contrario che ad una grande azienda un buon sito internet sia più che sufficiente beh, vi siete sbagliati di grosso. Una piccola attività, grazie ad un buon blog, può intercettare nuovi clienti, può mostrare agli utenti come avviene il proprio lavoro, che cos’è che lo rende davvero unico e speciale, rivelando quel valore aggiunto che solo una PMI può garantire. Attraverso il blog potrete presentare i vostri artigiani e operatori, mostrare le tecniche utilizzate e l’origine delle materie prime, il tutto contando sulla complicità degli utenti che vi seguiranno, e che condivideranno i vostri contenuti alimentando la popolarità del vostro marchio.

Una grande azienda invece può finalmente scrollarsi di dosso il cliché di un brand colossale quanto impersonale. Grazie a iniziative attuali come lo storytelling, l’azienda può letteralmente raccontare chi è e cosa fa, ma anche come lo fa. Un altro vantaggio sta nella possibilità di comunicare eventi ed iniziative sia internamente che esternamente. In questo modo tutti i vostri collaboratori saranno sempre aggiornati in tempo reale sulle vostre attività, con trasparenza. Questo naturalmente ne incoraggia anche la partecipazione, e impedisce a chi lavora per voi e con voi di sentirsi isolato. Con un blog potrete illustrare nel dettaglio la vostra policy sui lavoratori e sul prodotto finale, dimostrando che dietro un brand ci sono sempre delle persone. Persone con le quali peraltro adesso si potrà anche interagire direttamente sul blog.

Comunicare con i clienti

Il successo di un negozio sta anche sul rapporto che viene costruito con i clienti. Se una persona sa non solo di trovare ciò che cerca, ma anche di poter contare sull’affidabilità del venditore e su un trattamento cordiale, ecco che quel cliente tornerà. Ma come fare quando il proprio bacino di utenza si estende a tutto il paese, o addirittura a tutto il pianeta? Il blog permette una comunicazione bidirezionale in tempo reale con tutti i suoi utenti. Il brand può organizzare dei test su un prodotto in fase di lancio, per esempio, garantendosi un feedback immediato e diretto.

La possibilità dell’utente di potersi esprimere in questo modo lo fa sentire valorizzato ed apprezzato, il che fa bene non solo alla fidelizzazione della clientela, ma anche alla forza di quel brand. L’utente può davvero dire che sa che cosa sta acquistando, oppure di che tipo di servizio sta usufruendo, e in che modo questo viene realizzato, se segue realmente le proprie esigenze e i propri valori. Inoltre il linguaggio del blog può essere informale, senza mai perdere per questo affidabilità e senza intaccare minimamente la propria reputazione. Basta con noiosi e freddi testi in stile di comunicato stampa! Nessun cliente li leggerà mai per intero, a discapito di qualsiasi contenuto venga illustrato. Infine, comunicazione e social media sono sempre andati di pari passo. Il post di un blog consiste in un contenuto di alta qualità per qualsiasi profilo social. Questo è molto importante, perché vi permette di avere sempre a disposizione nuovi post con contenuti interessanti e accattivanti, stimolando le interazioni quali commenti e condivisioni.

Un blog ben realizzato non può che catturare l’attenzione degli influencer del settore, i quali a loro volta produrranno nuovi contenuti legati alla vostra attività, al brand, promuovendone la popolarità. Con un blog la vostra immagine sarà finalmente chiara e coerente, precisamente come voi intendete comunicarla.

Il blog fa bene alla SEO

Essere ben posizionati sui motori di ricerca è sicuramente uno degli obiettivi principali di qualsiasi attività odierna. Google favorisce i link che mettono a disposizione contenuti consistenti e originali. Un blog presenta una grande quantità di contenuti scritti e originali, assolutamente essenziali per la SEO. Inoltre generare quei contenuti non sarà affatto difficile, se permetterete a chi lavora con voi di scriverli. Questo non solo aumenta l’umanizzazione del vostro brand, dandogli letteralmente la voce di chi lavora. Creare una sorta di redazione interna farà sentire chi lavora con voi attivo e partecipe a più livelli. Per non parlare dell’arricchimento di quel linguaggio informale di cui parlavamo prima. Più autori significano più voci, rendendo la vostra un’immagine ricca e unica. I blog poi hanno solitamente indirizzi diversi da quello del sito aziendale, il che naturalmente offre un consistente vantaggio costituito dai link che vi rimandano.

Il blog non vi costa (quasi) nulla.

Esistono diverse piattaforme sul web che vi permettono di pubblicare un blog, la maggior parte delle quali sono totalmente gratuite. L’unica risorsa che dovrete impiegare è il tempo, soprattutto nel primo periodo. Questi siti vi propongono dei template predefiniti, starà a voi decidere come e con cosa gestire i vari spazi. Una volta che tutto il lavoro sarà impostato, tenerlo aggiornato sarà semplice e richiederà molto meno tempo. L’unica accortezza che vi suggeriamo è quella di appoggiarvi ad un professionista per la parte grafica. L’estetica e la funzionalità di ciò che presenterete è fondamentale, e merita quindi che ci investiate anche un po’ di risorse economiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *